venerdì 10 febbraio 2017

Sono arrabbiato

In questi giorni ho una rabbia che mi cova dentro, se la becca tutta il povero +Andrea Torti sui quali post ho fatto qualche lungo commento incazzato.

Sono arrabbiato perchè:

Michele a trent'anni si è suicidato. 


Non so chi sia stato Michele, forse mi sarebbe piaciuto bere una birra con lui mentre si parla di musica o di libri. Ma non potrò mai farlo perchè è morto, si è impiccato a casa della nonna.
Michele prima di morire ha scritto una lunga e bella lettera in cui elencava i motivi per farla finita.
Io l'ho letta e tu?
Secondo me l'hanno letta in pochi, ma ne hanno scritto in tanti. Nella lettera c'è scritto che la faceva finita a causa del mondo del lavoro che gli toglieva sicurezza e serenità.
Tra le righe e le parole però ho letto altro. Ho letto la depressione, quel cazzo di mate che ti toglie il sorriso e non ti fa vedere quello degli altri.
Quel cazzo di male per cui sei un poverino, ma non vien riconosciuta in nessun modo da nessuno.
Quel cazzo di male che non sembra invalidante, ma in realtà ti toglie la vita.

I professori Universitari si lamentano della preparazione degli studenti.

600 professori universitari hanno scritto e firmato una lettera, indirizzata al Governo e al Ministro della Pubblica Istruzione, in cui si denuncia la preparazione riguardo la lingua italiana dei loro studenti.
Li ritengo 600 cialtroni che non hanno il coraggio di affrontare la realtà. La realtà che gli studenti incriminati hanno conseguito un diploma per iscriversi all'università. Che quel diploma sia depositato presso le università dove i CIALTRONI lavorano. Che da quei diplomi si possa risalire alla commissione di esame che ha promosso quegli studenti.
Denunciassero direttamente i loro colleghi al posto di rompere le balle agli utenti, per migliorare la situazione.
Ma tanto si sa, tra cani non si mordono. 
E qui si parla di cani (scusami fido lo so che tu sei meglio di loro).

In Romania ci insegnano la democrazia e nessuno ne parla.

Ne ho già scritto in merito andatevi a leggere il post linkato.

Parliamo di persone non di numeri

Ci sono studi che dicono quanto è fico essere free lance leggendo i numeri. Altri studi che ci dicono che per un ultra cinquantenne è più facile trovare un lavoro rispetto ad un trentenne.
Ma toglietevi di mezzo co sti numeri. Smettete di parlare di numeri, ma andate a parlare con le persone. Guardate come vivono se ne avete il coraggio.
Ma avrò ragione ad essere incazzato questi giorni?
Poi di motivi ce ne sono ancora altri, ma questi sono  quelli che riesco a scrivere in una manciata di minuti.